SorrisoDiverso

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

«𝘓𝘢 𝘴𝘶𝘢 𝘣𝘦𝘭𝘭𝘦𝘻𝘻𝘢 𝘩𝘢 𝘶𝘯𝘢 𝘧𝘰𝘳𝘮𝘢 𝘥𝘪 𝘱𝘦𝘳𝘧𝘦𝘻𝘪𝘰𝘯𝘦 𝘪𝘳𝘳𝘦𝘢𝘭𝘦, 𝘲𝘶𝘢𝘴𝘪 𝘦𝘤𝘤𝘦𝘴𝘴𝘪𝘷𝘢 𝘦𝘥 𝘦𝘴𝘢𝘭𝘵𝘢𝘯𝘵𝘦. 𝘉𝘦𝘯𝘤𝘩𝘦́ 𝘴𝘶 𝘶𝘯 𝘳𝘦𝘨𝘪𝘴𝘵𝘳𝘰 𝘪𝘯𝘧𝘪𝘯𝘪𝘵𝘢𝘮𝘦𝘯𝘵𝘦 𝘱𝘪𝘶̀ 𝘳𝘶𝘴𝘵𝘪𝘤𝘰 𝘦 𝘱𝘰𝘱𝘰𝘭𝘢𝘳𝘦, 𝘦𝘴𝘴𝘢 𝘦̀ 𝘣𝘦𝘭𝘭𝘢 𝘤𝘰𝘮𝘦 𝘝𝘦𝘯𝘦𝘻𝘪𝘢, 𝘰 𝘜𝘳𝘣𝘪𝘯𝘰, 𝘰 𝘗𝘳𝘢𝘨𝘢, 𝘰 𝘈𝘮𝘴𝘵𝘦𝘳𝘥𝘢𝘮. 𝘓𝘢 𝘤𝘭𝘢𝘴𝘴𝘦 𝘥𝘪𝘳𝘪𝘨𝘦𝘯𝘵𝘦 𝘺𝘦𝘮𝘦𝘯𝘪𝘵𝘢 𝘴𝘦 𝘯𝘦 𝘷𝘦𝘳𝘨𝘰𝘨𝘯𝘢, 𝘱𝘦𝘳𝘤𝘩𝘦́ 𝘦̀ 𝘱𝘰𝘷𝘦𝘳𝘢 𝘦 𝘴𝘱𝘰𝘳𝘤𝘢, 𝘦 𝘤𝘦𝘳𝘵𝘰 𝘩𝘢 𝘰𝘳𝘮𝘢𝘪 𝘵𝘢𝘤𝘪𝘵𝘢𝘮𝘦𝘯𝘵𝘦 𝘥𝘦𝘤𝘪𝘴𝘰 𝘭𝘢 𝘴𝘶𝘢 𝘥𝘪𝘴𝘵𝘳𝘶𝘻𝘪𝘰𝘯𝘦.

(...) 𝘊𝘪 𝘳𝘪𝘷𝘰𝘭𝘨𝘪𝘢𝘮𝘰 𝘢𝘭𝘭'𝘜𝘕𝘌𝘚𝘊𝘖 𝘱𝘦𝘳𝘤𝘩𝘦́ 𝘢𝘪𝘶𝘵𝘪 𝘭𝘰 𝘠𝘦𝘮𝘦𝘯 𝘢 𝘴𝘢𝘭𝘷𝘢𝘳𝘴𝘪 𝘥𝘢𝘭𝘭𝘢 𝘴𝘶𝘢 𝘥𝘪𝘴𝘵𝘳𝘶𝘻𝘪𝘰𝘯𝘦, 𝘤𝘰𝘮𝘪𝘯𝘤𝘪𝘢𝘵𝘢 𝘤𝘰𝘯 𝘭𝘢 𝘥𝘪𝘴𝘵𝘳𝘶𝘻𝘪𝘰𝘯𝘦 𝘥𝘦𝘭𝘭𝘦 𝘮𝘶𝘳𝘢 𝘥𝘪 𝘚𝘢𝘯𝘢'𝘢, (...) 𝘪𝘯 𝘯𝘰𝘮𝘦 𝘥𝘦𝘭𝘭𝘢 𝘴𝘤𝘢𝘯𝘥𝘢𝘭𝘰𝘴𝘢 𝘧𝘰𝘳𝘻𝘢 𝘳𝘪𝘷𝘰𝘭𝘶𝘻𝘪𝘰𝘯𝘢𝘳𝘪𝘢 𝘥𝘦𝘭 𝘱𝘢𝘴𝘴𝘢𝘵𝘰.»

La voce di 𝗣𝗶𝗲𝗿 𝗣𝗮𝗼𝗹𝗼 𝗣𝗮𝘀𝗼𝗹𝗶𝗻𝗶 incardina le immagini de 𝙇𝙚 𝙢𝙪𝙧𝙖 𝙙𝙞 𝙎𝙖𝙣𝙖'𝙖. In occasione dei cent'anni dalla nascita dell'intellettuale, abbiamo scelto di ricordarlo attraverso un'opera che riguarda anche noi: un cortometraggio.

Perché 𝘓𝘦 𝘮𝘶𝘳𝘢 𝘥𝘪 𝘚𝘢𝘯𝘢'𝘢 è un documentario di poco meno di 13 minuti, girato nella capitale dello Yemen e diffuso nel 1971 come appello all'UNESCO contro la forza disgregante della contemporaneità, che Pasolini rintracciava indistintamente nelle forze capitaliste e socialiste allora in competizione per spartirsi il mondo. Risparmiata dai secoli, la città yemenita era un miracolo di bellezza incontaminata, e dunque pura; genuina, e dunque ignara di sé. Una condizione che le era servita a sopravvivere nel suo stato primigenio, ma che di fronte agli influssi della modernità rischiava di darsi per scontata una volta di troppo e scrollarsi di dosso la sua identità - la sua unicità.

Attraverso Sana'a, Pasolini parla anche dell'Italia come già non era più; un Paese che qualcuno ancora ricorda. In questo film c'è tutto il cinema di PPP, lo squarcio di immagini crude, traballanti perché vere, riprese a spalla. La luce catturata dalla cinepresa rappresenta il colore di un sole diverso, un giallore che brucia la terra e scarnifica gli edifici, evocato e cercato da una fotografia meravigliosa: quella di Tonino Delli Colli e del maestro Nino Celeste, che da anni è un pilastro e un vanto del nostro Festival.

Cent'anni di #Pasolini. Noi li celebriamo così.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

𝐏𝐚𝐫𝐢𝐭𝐚̀ 𝐝𝐢 𝐠𝐞𝐧𝐞𝐫𝐞: 𝐯𝐨𝐠𝐥𝐢𝐚𝐦𝐨 𝐩𝐚𝐫𝐥𝐚𝐫𝐧e?

La domanda è reale, non retorica: abbiamo l'opportunità per farlo davvero, in presenza.

Le occasioni sono due 𝗱𝗶𝗯𝗮𝘁𝘁𝗶𝘁𝗶 moderati da Marco Stancati, comunicatore d'impresa e docente alla Sapienza Università di Roma, che si terranno 𝗹'𝟭𝟭 𝗲 𝗶𝗹 𝟭𝟮 𝗺𝗮𝗿𝘇𝗼 nell'ambito del Campus di Formazione Obiettivo5 - Parità di genere organizzato dal Corriere della Sera.

Gli argomenti sono di assoluta attualità:

𝗔𝗯𝗯𝗶𝗮𝗺𝗼 𝗱𝗮𝘃𝘃𝗲𝗿𝗼 𝗯𝗶𝘀𝗼𝗴𝗻𝗼 𝗱𝗲𝗴𝗹𝗶 𝗮𝘀𝘁𝗲𝗿𝗶𝘀𝗰𝗵𝗶 𝗼 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗼 #schwa?

O lo si ama, o lo si odia, o lo si ignora. In qualunque modo la si pensi, è un tema su cui occorre informarsi con attenzione, perché riguarda il primo e il più importante dei nostri strumenti: la lingua che parliamo e il modo in cui ci descrive.

Il dibattito si terrà 𝘃𝗲𝗻𝗲𝗿𝗱𝗶̀ 𝟭𝟭 𝗺𝗮𝗿𝘇𝗼 𝗮𝗹𝗹𝗲 𝗼𝗿𝗲 𝟭𝟴:𝟬𝟬 nell'Aula Matematica III della città universitaria della Sapienza (per prenotarsi, cliccare qui https://bit.ly/3HpWdEV ).

𝗗𝗼𝗻𝗻𝗮, 𝘂𝗼𝗺𝗼 𝗲... 𝗱𝗶𝗻𝗼𝘀𝗮𝘂𝗿𝗼: 𝗵𝗮 𝘀𝗲𝗻𝘀𝗼 𝗹𝗮 𝘀𝗲𝗽𝗮𝗿𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗲𝗶 𝘀𝗲𝗿𝘃𝗶𝘇𝗶 𝗶𝗴𝗶𝗲𝗻𝗶𝗰𝗶 𝗽𝗲𝗿 𝗴𝗲𝗻𝗲𝗿𝗲?

Sì, avete letto bene. I WC separati tra uomini e donne possono essere messi in discussione, in una società in pieno confronto con il concetto di fluidità di genere?

Il dibattito si terrà 𝘀𝗮𝗯𝗮𝘁𝗼 𝟭𝟮 𝗺𝗮𝗿𝘇𝗼 𝗮𝗹𝗹𝗲 𝗼𝗿𝗲 𝟭𝟲:𝟬𝟬 nell'Aula Matematica II della città universitaria della Sapienza (per prenotarsi, cliccare qui https://bit.ly/3plmZIl ).

La partecipazione è 𝗴𝗿𝗮𝘁𝘂𝗶𝘁𝗮 (e lo sono anche tutte quelle correlate, per chi fosse interessato). È 𝗼𝗯𝗯𝗹𝗶𝗴𝗮𝘁𝗼𝗿𝗶𝗼 𝗽𝗿𝗲𝗻𝗼𝘁𝗮𝗿𝗲 𝗶𝗹 𝗽𝗿𝗼𝗽𝗿𝗶𝗼 𝗽𝗼𝘀𝘁𝗼 tramite i link sopra riportati. Per partecipare è necessario disporre di un 𝗚𝗿𝗲𝗲𝗻 𝗽𝗮𝘀𝘀 valido.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

In occasione del centenario dalla nascita di Pasolini il Cine-Tv Roberto Rossellini, unitamente a Municipio Roma VIII e Festival Tulipani di Seta Nera, ha deciso di omaggiarlo con un progetto autorizzato dal Ministero dell'Istruzione e pensato per celebrare la figura di Pierpaolo Pasolini raccontandolo nei luoghi che popolarono la sua dimensione visionaria, attraverso le immagini e le parole, evidenziando e incarnando, le sfaccettature poliedriche della sua anima, ridandogli vita e restituendo a tutti la sua caleidoscopica indole.

Nel corso della giornata di sabato 5 marzo, studentesse e studenti, accompagnati da alcuni docenti dell’Istituto, daranno voce alle parole di Pasolini attraverso un breve e simbolico viaggio seguendo un itinerario che permetterà loro di conoscere e far rivivere attraverso la lettura dei brani scritti da Pasolini i luoghi che amava e da cui ha tratto ispirazione per tutto l’arco della sua esistenza.

A turno i ragazzi leggeranno sul posto il brano idealmente collegato a quella precisa location, creando un ponte tra la Roma di allora e la Roma di oggi, restituendo per qualche istante agli eventuali passanti la Roma di Pasolini attraverso le sue stesse parole, come se lui stesso la stesse nuovamente narrando.

Il viaggio inizierà alla presenza dei rappresentanti del Municipio XI alle ore 9.30 dal Trullo, che in “Una vita violenta e in “Accattone” era il simbolo della profonda trasformazione anche delle periferie più ricche di storia.

Proseguirà poi, alle ore 11, a Monteverde, dove Pasolini ha tratto ispirazione per “Ragazzi di vita”.

Qui il “Riccetto” (come tutti i personaggi pasoliniani) tornerà protagonista.

Il gruppo si sposterà successivamente a Testaccio, alle ore 12.30, scenario del tragico epilogo di Accattone, presso il cimitero acattolico dove Pasolini amava andare, passeggiando e contemplando, tra le lapidi dei poeti inglesi Keats e Shelley, di scrittori contemporanei e amici come Carlo Emilio Gadda e Dario Bellezza e infine di Antonio Gramsci. Il confronto con la tomba del politico e pensatore comunista gli ispirerà l'opera: Le ceneri di Gramsci, un poemetto in versi ed un'omonima raccolta poetica che lo contiene.

Il Pasolini militante rivivrà, alle 14.30 in un altro luogo simbolo: Valle Giulia, teatro degli scontri tra i poliziotti e gli studenti il 1° marzo del’68, proprio quell’evento infatti lo ha spinto a scrivere e a pubblicare sull’Espresso del 16 giugno la lirica dal titolo: “Il PCI ai giovani”.

Tra il riecheggiare di queste parole si raggiungerà la tappa successiva, quella di Largo Preneste, alle ore 16.00, insieme ai rappresentanti del Municipio V, per incontrare “Alì dagli occhi azzurri, il capo dei persiani con la sua “gente” che come afferma “Ninetto”, il loro “messaggero”, così battezzato dall’autore si trova proprio lì: “tra il capolinea del 12, del 13 e del 409”.

Le studentesse e gli studenti, insieme al Presidente del Municipio 8, Amedeo Ciaccheri, saluteranno Pasolini prima del suo ultimo viaggio: alle 17.30 avrà luogo, nei pressi del Biondo Tevere, l’ultima cena di Pasolini, e attraverso le pagine di Petrolio riscopriremo il perché dell’involuzione della società e del suo declino profetizzato in quest’ultima opera incompiuta e pubblicata postuma da Einaudi che ci ha permesso di apprendere che secondo Pasolini:

“se noi non ci illudessimo di rifare le stesse esperienze esistenziali dei padri, saremmo presi da un’angoscia intollerabile, perderemmo il senso di noi, l'idea di noi […]

Il percorso completo sarà raccolto in un docufilm realizzato, in presa diretta, dalle studentesse e dagli studenti.

Se volete seguirci nel nostro viaggio troverete in allegato oltre alla locandina dell’evento l’itinerario con gli orari previsti per le varie tappe e l’elenco dei brani che verranno letti, saranno disponibili anche foto e video dell’evento che verranno forniti in una cartella stampa per arricchire un articolo o un servizio.

Per qualsiasi altra informazione necessaria potete contattarci al 3348854102

o via mail All’ indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.