SorrisoDiverso

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Di Silvia Di Biagio
Un nuovo attacco terroristico è avvenuto nella città di Berlino. Un camion si è precipitato a tutta velocità sulla folla che visitava i mercatini di Natale, uccidendo 12 persone e ferendone 48. Un uomo pachistano è stato preso, ma poi rilasciato perché non c'erano abbastanza prove per accusarlo e il responsabile dell’attentato (o forse anche due) è fuggito. Un uomo di origine polacca è stato trovato morto sul mezzo e molto probabilmente si trattava del vero autista. Il camion sarebbe stato rubato in Belgio dal presunto terrorista polacco estromettendo il conducente. Una donna italiana, che viveva da un po’ di anni in Germania, è scomparsa e tutti sono molto preoccupati. Questo attentato ricorda molto ciò che è accaduto a Nizza; una tragedia scatenata da uomini senza armi. Non si può essere neanche più tranquilli nei giorni di Natale, ma perché ci attaccano? Perché se la sono presa con l’Europa? Tutti questi attacchi continueranno e si moltiplicheranno. Ma gli attacchi in Afghanistan, Iraq, Libia che hanno causato migliaia di morti, non sono stati anche questi attacchi terroristici? Di ciò nessuno si è mai preoccupato così tanto come adesso.
Probabilmente se la sono presa con l’Europa perché ha una cultura e usanze molto diverse da loro, soprattutto per quanto riguarda la condizione femminile. Comunque siamo poco informati e sicuramente non ci hanno raccontato tutta la verità i politici e i mass media. Ma la cosa più importate che interessa a tutti è sapere se finiranno mai questi attentati, se si può ricominciare a passeggiare tranquilli per le strade o prendere l’aereo senza la paura di morire.