SorrisoDiverso

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

di Cristina D’Antoni.
FILM: TWO MOTHERS
ANNO:2013
REGISTA: ANNE FONTAINE, ANNE ZOHRA BERRACHED
ATTORI: NAOMI WATTS, ROBIN WRIGHT, XAVIER SAMUEL, JAMES FRECHEVILLE, BEN MENDELSOHN
GENERE: DRAMMATICO
TRAMA: Lil (Naomi Watts) e Roz (Robin wright) sono grandi amiche fin da piccole e vivono entrambe nel Nuovo Galles del sud. Lil è vedova e ha un figlio diciottenne di nome Ian (Xavier Samuel) mentre Roz è sposata con il marito Harold (Ben Mendelsohn) e hanno un figlio diciottenne di nome Tom (James Frecheville); anche i figli come le madri sono grandi amici fin da piccoli.
Un giorno il marito di Roz, Harold, trova un lavoro a Sidney all’insaputa della moglie e naturalmente si aspetta che sia lei che il figlio siano disposti a trasferirsi, Al contrario, questo evento porterà alla separazione tra i due.
Dopo la rottura si instaura un rapporto amoroso tra Roz ed Ian. Tom, dopo aver scoperto la relazione tra la madre e il suo migliore amico, si reca da Lil, con la quale ne intraprenderà una a sua volta.
Le due coppie, dopo essersi confessato tutto, decidono di proseguire di comune accordo, ma quasi due anni dopo Tom incontra una ragazza che sposerà mettendo fine alla storia con Lil. Roz decide di lasciare Ian e di permettergli di vivere una vita normale, cosi anche quest’ultimo si sposa. Qualche anno dopo Ian e Tom sono sposati e hanno entrambi una figlia: il loro rapporto matrimoniale però non si può definire propriamente felice poiché Tom, qualche mese dopo il matrimonio, aveva continuato la sua relazione con Lil, tenendola segreta; quest’ultima verrà scoperta anche da Roz e Ian i quali decideranno di riprendere il rapporto.
Alla fine le mogli di Tom e Ian scopriranno il torbido legame che ha unito le due famiglie per quasi due anni e se ne andranno via portando con loro le figlie.

Two Mothers è l’adattamento cinematografico del libro “Le nonne”, di Doris Lessing. Le protagoniste sono due donne, all’apparenza molto simili che dimostrano una complicità propria di un’amicizia che dura da anni. La storia si apre con le due donne sulla spiaggia che guardano affascinate i loro figli paragonandoli a “giovani dei”.
Senza niente che faccia presagire delle vere motivazioni, le due donne intraprendono una relazione con i rispettivi figli. All’inizio tentano di resistere, ma ritrovandosi a parlarne insieme decidono di continuare. “Ti sei mai sentita così felice? Perché dovremmo smettere?”, è questa la giustificazione che permetterà alla storia di continuare, unita alla convinzione che presto i ragazzi si stancheranno di loro. La storia quindi è quella di due donne che tentano di allontanare la vecchiaia e che, in seguito, all’inizio della relazione sovrapporranno il rapporto sentimentale a quello materno, poiché disposti a consolare più il partner che i figli. Passati due anni la relazione tra Tom e Lil sarà la prima a finire poiché iniziata più per vendetta che per attrazione tra i due questo però causerà dei problemi al rapporto tra Roz e Ian che verrà messa a tacere dalla donna sia per solidarietà verso l’amica sia per paura che il ragazzo possa lasciarla per un altra. Queste scelte fatte sempre per puro egoismo porteranno problemi ai due ragazzi, incapaci ormai di intraprendere una seria relazione, poiché l’attrazione per le due donne non finirà mai.

 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

di Cristina D’Antoni
FILM: WHIP IT
ANNO:2009
REGISTA:DREW BARRYMORE
ATTORI:ELLEN PAGE, DREW BARRYMORE, JULIETTE LEWIS, KRISTEN WIIG,
MARCIA GAY HARDEN, ALIA SHAWKAT
GENERE:COMMEDIA, DRAMMATICO
TRAMA: Bliss Cavendar (Ellen Page) è una ragazza di 17 anni che vive a Boden,
un’anticonformista, con un gruppo di amici disadattati. La madre (Marcia Gay Harden) sogna per lei una vita completamente diversa e desidera che partecipi a un concorso di bellezza. Bliss accetta per rendere la madre felice. Un giorno, però, si imbatte in un gruppo di ragazze, che praticano uno sport femminile acrobatico su pattini a rotelle chiamato “Roller Derby”.
Decidendo di unirsi alla squadra troverà la sua strada.
La regia della Barrymore riesce ad inquadrare dei particolari molto importanti dei
personaggi e dei luoghi. Il film parte da un’idea originale, il personaggio di Bliss è
interessante. All’inizio del film ci appare come una ragazza insicura, sbeffeggiata dai
compagni di scuola, incapace di opporsi alla madre e alla costante ricerca di qualcosa che
gli cambi la vita. La troverà nel roller derby e da questo momento in poi Bliss cambierà
completamente, tirando fuori il suo vero carattere ossia quello di una ragazza “tosta” che non si arrende mai. Il film è avvincente solo nelle gare di roller derby poiché nel resto delle scene sono messe in evidenza solo le caratteristiche e gli aspetti più futili di Bliss. Credo che la pellicola venga rovinata dalla sceneggiatura che risulta fin troppo semplice, nonostante questo Ellen Page riesce a rendere il personaggio di Bliss interessante a tal punto da coinvolgere lo spettatore, il quale, alla fine del film, si ritroverà a incoraggiare la protagonista; da ciò si può vedere la bravura degli attori.
Nota di merito, il film non si conclude con un finale melenso e questo fa in modo che risulti molto realistico.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

di Martina Prisco
Bentornati ad Appuntamenti al cinema! Stavolta, affronteremo le novità di agosto, mese all’insegna dei film drammatici, con ben sei pellicole in uscita. Ma cos’altro ci aspetta? Innanzitutto, quello che è stato definito il film più atteso dell’anno in assoluto: Suicide Squad. Tratto dall’universo DC, vanta un cast veramente spettacolare, vi basti sapere che tra i protagonisti troviamo l’incantevole Margot Robbie (Harley Quinn), Will Smith (Deadshot) ed il camaleontico Jared Leto, nei panni del Joker. La trama: una task force dei “peggiori eroi di sempre” viene formata, mettendo insieme i più pericolosi criminali della città, con l’unico scopo di immolarli in missioni suicide, da qui il nome “Suicide Squad”. Quanti, come me, correranno al cinema dal 18 agosto? Continuiamo con un film d’animazione, il quinto capitolo della fortunata saga de L’era glaciale, “L’era glaciale: in rotta di collisione” (25/08). Ancora protagonisti gli adorabili Scrat, Sid, Manny e Diego, la combriccola dovrà affrontare un viaggio avventuroso e pieno di comicità, attraverso terre esotiche e lontane. Avete voglia di una commedia? Potete scegliere tra Le sorelle perfette (04/08) e Ma loute (25/04), la prima made in the USA , la seconda di produzione francese e tedesca. Se invece avete programmato una serata tra amici, di certo l’horror è un genere intramontabile. Anche qui la scelta è duplice. Come prima proposta, The witch (18/08): ambientato nel 1630, si intrecciano le storie di vari bambini, tra religione e fede, paura e stregoneria. Lights Out – Terrore del buio (04/08), invece, è incentrato sul tormento di una misteriosa entità superiore, ed è diretto da James Wan, regista di Saw – L’Enigmista e di The Conjuring. Tra i film d’animazione, avremo anche Sausage Party, la storia di una simpatica salsiccia in fuga, alla ricerca delle sue origini (11/08). Avventurandoci verso altri generi, troviamo un documentario di produzione italiana, “Mia madre fa l’attrice” (25/08) e un film di fantascienza, Equals (04/08). Il secondo vede nel cast Kristen Stewart, e si presenta come una versione aggiornata di 1984, pellicola tratta dall’omonimo libro di Orwell.
Altra nuova uscita sicuramente interessante è Il drago invisibile, ultima perla della Disney (10/08), che tratta la storia di un bambino, il quale, in seguito alla perdita dei genitori, si ritrova a crescere con un drago. Per il filone dei thriller, troviamo Escobar (25/08) e Il clan (25/08). Nel primo film, la storia principale si intreccia con quella del narcotrafficante Pablo Escobar. Nel cast Benicio del Toro e Josh Hutcherson, mentre alla regia c’è l’italiano Andrea Di Stefano. Il clan, invece, è ambientato in Argentina ed è ispirato alla vera storia dei Puccio. Concludiamo, infine, con i sei film drammatici. Il 25 agosto usciranno Nel corso del tempo, Paradise Beach - Dentro l’incubo e Il diritto di uccidere. Il primo, tedesco, parla dei viaggi di Bruno, un proiezionista che attraversa la Germania svolgendo il proprio lavoro. Gli altri due vantano ottimi cast. Paradise Beach, la cui protagonista è interpretata da Blake Lively, è considerato il Lo squalo delle nuove generazioni. Il diritto di uccidere, invece, è l’ultima pellicola di Alan Rickman. Il 18 agosto uscirà New York Academy, film basato sulla danza e la musica. Viral (10/08) propone uno scenario quasi apocalittico: un virus spazza via la maggior parte della popolazione mondiale, e rischia di fare lo stesso anche con i sopravvissuti in quarantena. Un padre, una figlia, in un uscita il 30/08, ha come tematica centrale (come suggerisce il titolo), il rapporto di un padre con la propria figlia.
Dunque, cosa andrete a vedere? Vi aspetto con le proposte di settembre