#SocialClip Vincitori

TSN XV Edizione - Premi e motivazioni

Miglior #SocialClip "Obligè"

regia di Giulio Rosati; artista Epoque (Janine Tshela Nzua) feat Axel

Visualizza il premio

Certamente riuscito dal punto di vista artistico, ben prodotto e con un testo che coniuga abilmente lo slang rap sia in italiano che in francese, il brano Obligè viene arricchito da un videoclip particolarmente efficace, forte di una fotografia calda ed equilibrata, pensato e girato in uno stile filmico che riesce ad accompagnare lo spettatore attraverso la narrazione urgente ed emozionale del brano.

Premio Sorriso Rai Cinema Channel "Filtro"

regia di Federico Falcioni; artista Giuliano Crupi

Visualizza il premio

Premio Sorriso di VariEtà "C'eravamo tanto armati"

regia di Arber e Sander Marra; artista Francesco Rainero

Visualizza il premio

Miglior Regia "Guerinca"

regia di Daniele Barbiero; artista Cristiano Turrini

Visualizza il premio

Un videoclip realizzato come un piccolo cortometraggio musicale che riesce a far incontrare la drammaticità del tema della malattia con il linguaggio della danza, del cinema e della musica. Un’opera che fonde due sguardi diversi, quello di chi la malattia la vive e quello di chi sta accanto con non meno dolore, in un intreccio di corpi che spogliano la tematica dalla retorica e dal senso di solitudine.

Miglior Testo "Le cose da fare"

regia di Giorgio Mannucci; artista Giulia Pratelli

Visualizza il premio

Nella semplicità essenziale di un video, tutta la bellezza comunicativa e la forza di un messaggio urgente e chiaro. Non si può scappare rinchiudendosi e negando la gravità di un rapporto malato e pericoloso. Bisogna trovare la forza di ribellarsi. Poche cose da fare, ma che sono le sole per sanare la propria vita, riconsegnandola alla libertà e a chi, quando la pronuncerà con la sua bocca, saprà dare il giusto senso alla parola “Amore”.

Miglior Musica "Oh Mama Mama"

regia di Andrea Aglieri; artista Nino Wolf

Visualizza il premio

Un canto che è un grido accorato. Torna, si ripete. Lo senti battere come fa la lingua sul dente dolente, perché ti porta per mano nelle strade di quartieri poveri e disperati, nel ruggito delle loro strade maledette. Come un rito, scandisce il verso “oh ma”, e come un salmo, ci troviamo a ricantarlo insieme, come per scongiurargli il male, liberarlo, per chiedere protezione e promettergli di non dover lasciarlo ingabbiare da un destino a cui è difficile sottrarsi. Il volto della madre è segnato dal dolore di chi guarda il proprio figlio in modo ormai impotente,  eppure, si augura di poterlo sempre aiutare.

Miglior Over #SocialClip "Seta"

regia di Attilio Cusani; artista Elisa

Visualizza il premio

Elisa, da artista matura e completa, si inquadra con occhi di donna e di madre. Dirige lei stessa, insieme al regista Attilio Cusani, il videoclip di questo brano in cui affronta lo spinoso tema della violenza di genere. Unisce ritmo e pensiero, perché ci spiega quanto sia facile vedere tramutare il filo rosso di rame della passione in uno di seta, scivoloso e tagliente, prese nell’ ingenuità vorticosa di una storia d’ amore che nasce o dall’ ebbrezza spensierata di una discoteca. Bisogna, però, imparare a riconoscere per tempo i pericoli, per difendersi, salvarsi e non cadere più vittime degli abusi.

Miglior Soggetto "Vivarium"

regia di Piersaverio Pizzichemi; artista Veronica Di Nocera

Visualizza il premio

Per la scelta coraggiosa di trattare il tema delle guerre e del degrado ambientale in stretta connessione con le azioni umane. Vivarium è un’opera che già dalla sinossi innesca una riflessione urgente e profonda sull’emergenza climatica e sui danni generati dall’ignoranza degli esseri umani e dalla loro indifferenza, offrendo un punto di vista che mette in risalto il valore della diversità come ricchezza da preservare in termini ambientali e culturali.