Documentari Premiati

TSN XIII Edizione - Premi e motivazioni

MIGLIOR DOCUMENTARIO
"PUCUNDRÌA"

regia di Erica De Lisio

Visualizza il premio

Per la capacità di descrivere il tempo sospeso degli anziani e di dare forma a luoghi e pensieri della terza e quarta età con rispetto e delicatezza. Anche alla luce dell’esperienza dell’epidemia che ha acceso i riflettori sulle case di riposo e sui loro ospiti, la giuria ha ritenuto che il lavoro di Erica De Lisio centri, con notevole capacità tecnica e di racconto, un tema di assoluta rilevanza: la vita al termine della “esistenza produttiva”. Una vita che continua a esistere e ad avere un valore.

PREMIO MIGLIOR SCENEGGIATURA
"L’ESTATE PIÙ BELLA "

regia di Gianni Vukaj

Visualizza il premio

Per la capacità di costruire con vivacità e passione le battaglie di un gruppo di coraggiosi in favore del diritto dei disabili di godere dei beni comuni: sole, mare, spiaggia. L’autore, attraverso le memorie dei protagonisti, ricostruisce un cammino lungo cinquant’anni – e non ancora concluso - verso la “normalizzazione” della diversità.

PREMIO MIGLIOR REGIA
"LIFELIE"

regia di Paola Risoli

Visualizza il premio

Lucido, essenziale, coraggioso in tutte le scelte narrative. Paola Risoli racconta la nuova vita di una giovane immigrata nigeriana con il minimo delle parole e il massimo dell’impatto emotivo. E’ un lavoro che rifiuta il moralismo compassionevole che di solito accompagna questo tema per mostrare, nuda, la realtà interiore di una “salvata”.

PREMIO MIGLIOR FOTOGRAFIA
"LIFELIE"

regia di Paola Risoli

Visualizza il premio

Paola Risoli è un’artista attiva nel sociale che si esprime attraverso vari mezzi: fotografia, video, installazioni. Il suo cortometraggio Lifelie racchiude i suoi vari talenti espressivi, e per questo è completamente originale nella sua forma. Le notevoli immagini di quest’opera mettono in relazione fotografia statica e fotografia cinematografica creando un racconto che decostruisce un volto per ricostruire una storia.

PREMIO MIGLIOR MONTAGGIO
"LIFELIE"

regia di Paola Risoli

Visualizza il premio

Lifelie. Attraverso l’espressione libera e creativa del montaggio, la staticità diventa movimento, la frammentazione e la scomposizione dell’immagine racconto emotivo, il suono, parole non dette.

PREMIO SPECIALE MIGLIOR PERSONAGGIO "L’UOMO DEGLI ALBERI"

regia di Andrea Trivero

Visualizza il premio

 

La giuria ha deciso di premiare con una menzione speciale la storia romanzesca di Daniel, agricoltore sui generis del Burkina Faso: un disabile grave, nato in una famiglia poverissima, che in mezzo secolo ha seminato e fatto crescere più di un milione di alberi in una delle aree più depresse dell’Africa.